Slider

Terapia alternativa per la pseudoartrosi? Una relazione sul campo del Dott. Raul Borgmann

2021-01-07_news_Dr_Raul_Borgmann

In questo articolo, l’autore presenta un caso in cui la terapia a onde d’urto focalizzata, combinata con un’iniezione di plasma ricco di piastrine (PRP) guidata da ultrasuoni, ha ottenuto buoni risultati nel trattamento della pseudoartrosi del femore.

All’inizio di aprile 2020, un giovane di 34 anni si è presentato al mio ambulatorio ortopedico con una pseudoartrosi del corpo del femore - dieci mesi dopo un grave incidente stradale in quad. La frattura era stata osteosintetizzata con un lungo chiodo femorale prossimale nel maggio 2019 e non era guarita nella regione del corpo (Fig. 1).

Fig. 1: Corpo femorale prima della terapia con onde d’urto.

Fig. 1: Corpo femorale prima della terapia con onde d’urto.

Durante il controllo presso l’ospedale universitario, a inizio marzo, il paziente era stato informato che la pseudoartrosi doveva essere riesaminata, che il materiale di osteosintesi andava rimosso e la frattura riaperta e riempita con la spongiosa della cresta iliaca, per poi fissare il tutto con un fissatore ad anello. In seguito, dopo l’intervento, il paziente avrebbe dovuto stare a riposo, inizialmente sarebbe stato bloccato su una sedia a rotelle e avrebbe dovuto prepararsi per una fase di riabilitazione di diversi mesi.

Effetto della pandemia di coronavirus sulla scelta del trattamento
Inoltre, il paziente era stato informato che, a causa dell’insorgenza della pandemia di coronavirus, l’operazione non era momentaneamente possibile e doveva essere rimandata al mese di giugno/luglio al più presto, non appena la situazione fosse migliorata. Per il paziente, tuttavia, questo avrebbe avuto ulteriori conseguenze importanti. Non potendo lavorare a causa del suo grave infortunio, aveva infatti deciso di iniziare una riqualificazione professionale a settembre 2020, che però non avrebbe potuto seguire se la data dell’intervento fosse stata fissata a luglio. Il suo ritorno al lavoro sarebbe stato così ritardato di un altro anno intero.

Vista la situazione, il paziente e sua moglie hanno cercato possibili alternative e si sono imbattuti nel mio studio per il trattamento conservativo della pseudoartrosi. Dopo aver studiato l’anamnesi del paziente e le immagini, ho dovuto informare il paziente che andava fatto un tentativo di terapia conservativa con onde d’urto, con un apparecchio di grandi dimensioni, in clinica. Ma anche io avevo le mani legate per via della pandemia di coronavirus, perché in qualità di persona esterna non mi è stato permesso di accedere ai grandi apparecchi della clinica.

Terapia combinata con dispositivo a onde d’urto in studio
Vista la situazione e in mancanza di alternative, ho concordato con il paziente un tentativo di terapia con il mio apparecchio a onde d’urto elettromagnetiche in studio, combinato con un’iniezione di PRP guidata da ultrasuoni nella fessurazione per pseudoartrosi. Successivamente, in aprile, ho eseguito quattro trattamenti a onde d’urto focalizzate dopo la localizzazione a ultrasuoni della fessurazione da due direzioni con 3000 impulsi ciascuno, per un totale di 6000 impulsi con una densità di flusso di energia di 0,55 mJ/mm² per trattamento. Inoltre, è stata eseguita un’iniezione di PRP sotto controllo visivo, anch’essa guidata da ultrasuoni, nella fessurazione (Fig. 2).

Fig. 2: Iniezione al plasma ricco di piastrine per la pseudoartrosi del corpo femorale.

Fig. 2: Iniezione al plasma ricco di piastrine per la pseudoartrosi del corpo femorale.

Le sedute di trattamento si sono svolte senza intoppi, sono state per lo più indolori per il paziente e non sono stati osservati effetti collaterali indesiderati. Al successivo check-up nella clinica universitaria dell’11/05/2020 - appena quattro settimane dopo l’inizio del trattamento nel mio studio - la radiografia ha evidenziato per la prima volta la formazione di calli e i primi segni di un consolidamento. Per questo, i colleghi dell’ospedale universitario si sono astenuti da ulteriori interventi chirurgici e hanno consigliato al paziente di continuare l’approccio terapeutico conservativo. Abbiamo poi eseguito altre due sedute di terapia con onde d’urto con lo schema sopra descritto e un’altra iniezione di PRP guidata da ultrasuoni. I successivi esami di follow-up effettuati a fine giugno e inizio agosto 2020 hanno continuato a mostrare un lento ma costante consolidamento della frattura (Fig. 3).

Fig. 3: Corpo femorale 3 mesi dopo la terapia a onde d’urto e l’iniezione di PRP.

Fig. 3: Corpo femorale 3 mesi dopo la terapia a onde d’urto e l’iniezione di PRP.

Conclusioni e prospettive
In questo caso, al paziente è stato quindi risparmiato un ulteriore intervento chirurgico importante. Pertanto, vorrei suggerire che questo schema terapeutico in combinazione con l’iniezione di PRP guidata da ultrasuoni e la terapia a onde d’urto focalizzata (per le ossa tubolari lunghe, preferibilmente con un apparecchio di grandi dimensioni) dovrebbe essere considerato in futuro anche come un’opzione di trattamento per la pseudoartrosi delle ossa tubolari lunghe prima dell’intervento chirurgico. Le due procedure sembrano avere un effetto sinergico. Nella mia ricerca nella letteratura su questo argomento, ho trovato un solo studio sulla combinazione dei due metodi da me impiegati1,2. Tuttavia, esistono numerosi studi3–7 sulle singole procedure che ne dimostrano l’efficacia. Dal momento che entrambe le procedure raggiungono il loro effetto nel tessuto a causa delle citochine, la logica è evidente.

Autore: Dott. Raul Borgmann
Studio privato di ortopedia e osteopatia
Gartenstrasse 1, 79098 Friburgo
E-mail:

Bibliografia:
1. Rughetti A, Flamini S, Colafarina O et al. Closed surgery: autologous platelet gel for the treatment. Blood Transfus 004;2:37-43.
2. Großner T, Schmidmaier G. Konservative Therapieoptionen der Pseudarthrosen. Unfallchirurg 2020;123:705–710.
3. Wang L, Yang JY, Zhang BW et al. Plateletrich plasma injection for the treatment of atrophic fracture nonunion. Zhongguo Gu Shang 2020;33(3):261–264. [Articolo in cinese] https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32233256/
4. Mahadik SK, Mehta S, Deshpande S et al.Autologous platelet injection in the treatment of long bone nonunion: A prospective interventional study. Int J Orthop Sci 2018;4(3).
5. Bielecki T, Gazdzik TS, Szczepanski T. Benefit of percutaneous injection of autologous platelet-leukocyte-rich gel in patients with delayed union and nonunion.Eur Surg Res 2008;40(3):289–296.
6. Ghaffarpasand F, Shahrezaei M, Dehghankhalili M. Effects of Platelet Rich Plasma on Healing Rate of Long Bone Non-union Fractures: A Randomized Double-Blind Placebo Controlled Clinical Trial.Bull Emerg Trauma 2016;4(3):134–140.
7. Haffner N, Smolen D, Dahm F et al. Significance of extracorporeal shockwave therapy in fracture treatment. In: Wang CJ, Schaden W, Ko JY (Hrsg.): Shockwave Medicine. Transl Res Biomed 2018;6:42–63, Basel, Karger.

*Pubblicato in Orthopädischen Nachrichten 10/2020

 

0
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Ospite
Domenica, 18 Aprile 2021

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.storzmedical.com/

Linkedin Channel Facebook Channel Instagram Channel Twitter Youtube Channel