Trattamento dei sintomi dell'Alzheimer: Il webinar del Prof. Ulrich Sprick fornisce argomenti convincenti a favore della TPS

Trattamento dei sintomi dell'Alzheimer: Il webinar del Prof. Ulrich Sprick fornisce argomenti convincenti a favore della TPS

Il Prof. Dott. Ulrich Sprick (Primario Ambulantes Zentrum Alexius/Josef Krankenhaus Neuss, Germania) è intervenuto in un webinar live organizzato da STORZ MEDICAL sul tema »Stimolazione transcranica a impulsi (TPS) - un metodo innovativo per il trattamento dei sintomi della malattia di Alzheimer«.

Nel suo intervento, il Prof. Sprick ha illustrato le basi scientifiche e ha fornito una panoramica dettagliata della sua esperienza positiva con la TPS, partendo da casi di studio reali.

La TPS, combinata con la navigazione a risonanza magnetica, offre numerosi vantaggi
Secondo il Prof. Sprick, un grande vantaggio della stimolazione transcranica a impulsi (TPS) rispetto ad altri metodi di stimolazione cerebrale è »la possibilità di stimolare non solo superficialmente, ma anche in profondità«. In combinazione con la navigazione a risonanza magnetica, consente un'applicazione eccezionalmente precisa degli impulsi di stimolazione, sia a livello corticale che sottocorticale, adattati al cervello del singolo paziente.

Importanti differenze rispetto alla stimolazione convenzionale a ultrasuoni
Nella TPS si utilizzano le onde d’urto. Il Prof. Sprick ha spiegato che, sebbene si tratti di onde a ultrasuoni, la TPS è fondamentalmente diversa dalla stimolazione a ultrasuoni convenzionale. Gli ultrasuoni sono caratterizzati da un'onda continua con numerose oscillazioni. »Questo annulla gran parte dell'effetto e allo stesso tempo genera calore«, spiega il Prof. Sprick. La TPS comporta impulsi singoli molto brevi (durata 3-5 microsecondi) seguiti da un'onda di trazione di ampiezza inferiore. »La forma asimmetrica degli impulsi fa sì che gli impulsi successivi non si compensino l'un l'altro e che si crei un'interazione con alta pressione e bassa tensione«. Di conseguenza, non c'è riscaldamento dei tessuti.

Casi di studio reali: miglioramenti significativi dopo la TPS
Infine, il Prof. Sprick ha presentato la sua esperienza pratica con la TPS. Finora, insieme al suo team ha trattato circa 50 pazienti affetti da Alzheimer. »Già dopo 6 sedute in 14 giorni, vediamo effetti molto interessanti. Vediamo miglioramenti in circa il 60-65% dei pazienti, a volte molto significativi, a volte addirittura eclatanti«, ha affermato il Prof. Sprick, illustrando questa constatazione con due casi di studio.

Il primo era un paziente di 65 anni affetto da Alzheimer con un deficit pronunciato nelle funzioni esecutive (problemi di pianificazione e di esecuzione). Dopo il trattamento con la TPS, è stato registrato un miglioramento significativo delle funzioni esecutive nel test di interferenza colore-parola (test di Stroop), che verifica aspetti specifici dell'attenzione selettiva in base al riconoscimento del colore delle parole presentate. Dopo la 6a stimolazione, il valore del test (velocità di esecuzione e correttezza) indicava la metà del valore iniziale. Dopo una seduta di richiamo a 2 mesi, il punteggio è migliorato di un ulteriore 20%: »un risultato molto significativo«, afferma il Prof. Sprick. Non sono stati osservati effetti collaterali.

Il secondo caso di studio riguardava un paziente di 63 anni con i sintomi tipici dell'Alzheimer: deficit di memoria, riduzione delle funzioni esecutive e un marcato disturbo del linguaggio. Il paziente era in grado di articolare solo singoli suoni (nessuna parola o frase). Inoltre, era in sedia a rotelle e non riusciva più camminare o stare in piedi autonomamente. Già dopo la 4a seduta di TPS, il paziente ha mostrato un miglioramento molto significativo delle capacità motorie e del linguaggio. A parte una leggera balbuzie, è tornato a parlare normalmente. Ha anche ricominciato a camminare e stare in piedi da solo, per cui non aveva più bisogno della sedia a rotelle. Anche in questo caso non sono stati osservati effetti collaterali.

Fonte
Prof. Dott. Ulrich Sprick: »La stimolazione transcranica a impulsi (TPS) - un metodo innovativo per il trattamento dei sintomi della malattia di Alzheimer«. Webinar (Organizzazione: STORZ MEDICAL AG), 1° giugno 2022.

1